Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Reddit

Minix Neo Storage

Tutti gli accessori si meritano quindici minuti di celebrità, soprattutto quando sono utili. Ecco un HUB USB-C con SSD.

RECENSIONE Online dal 20 agosto 2019 Discussione Leggi i commenti Tempo di lettura Circa 7 minuti
Minix Neo Storage S2 connesso a MacBook Pro 13 2019
FIG. 1. Minix Neo Storage S2 connesso a MacBook Pro 13 2019.

          Minix Neo Storage S1 (versione da 120 GB) e Neo S2 (versione da 240 GB) sono HUB USB-C dalla forma moderna e dalla concezione classica (difetti inclusi) con il vanto di una memoria SSD integrata da usare per l'archiviazione dei documenti, delle foto e dei video, dei backup, dei sistemi operativi LIVE. Prendono la USB-C del PC a cui sono collegati e la sviluppano con connettività e archiviazione. Inoltre si prestano al modding perché si possono smontare e migliorare. Mentre scrivo, sono doti rare.

SCHEDA TECNICA

Uscita videoHDMI 1.4a (max 4K @ 30 Hz) Porte2x USB-A 3.0 / USB-C (solo Power Delivery) ArchiviazioneSSD M2 2280 / 120 GB o 240 GB (su slot) USB Power5V 1A o 5V 2A / Max 5V 500mA TelaioAlluminio satinato / Argento o grigio siderale Dimensioni115 x 43.5 x 11 mm / 60 grammi CompatibilitàApple MacBook Air e Pro / Apple iPad Pro / Windows, Linux e Android con USB-C 3.1 Gen1 o Gen2
Scheda tecnica e porte Minix Neo Storage
FIG. 1. Porte e dimensioni.

Punti forti

          È un accessorio consigliato a chi lavora sul portatile fuori dall'ufficio. I MacBook di ultima generazione hanno solo porte moderne (le Thunderbolt 3), quindi capita di dover tenere in borsa un adattatore per le vecchie USB e per l'uscita HDMI, più una chiavetta con il backup offline dei dati. Lo stesso vale, anzi è ancora meglio, su un iPad Pro. Minix Neo Storage è adatto a questi contesti (ma non perfetto, come vedremo dopo) perché aggiunge tre comodità:

  1. Ha una USB-C per caricare il computer anche quando è collegato; così non si sacrifica una porta. Con l'alimentatore connesso, le due USB Type-A possono erogare fine a 5V 2A, ovvero il doppio di quando è staccato.
  2. Ha una memoria interna SSD non solo inclusa nel telaio ma anche più veloce e più costante di qualsiasi chiavetta USB. Quindi con un solo movimento si aggiungono le porte, l'uscita video e l'equivalente di un hard disk esterno.
  3. Ha una SSD sostituibile perché è installata su slot M2: è noioso smontare il telaio (nessuna vite esterna, solo un sistema a pressione con alette laterali), ma si riescono ad inserire moduli 2280 fino a 1 TB.
GBBMDSTAJA
Minix Neo Storage S1120423 - 405 MB/s406 - 366 MB/s
Minix Neo Storage S2240409 - 401 MB/s409 - 368 MB/s
TAB. 1. Prestazioni lettura e scrittura registrate su MacBook Pro 13 TB 2019 con BlackMagic Disk Speed Test e Aja System Test.

E poi è costruito bene ed ha il colore del vostro MacBook, ha una luce LED per far notare che è acceso, i piedini in gomma per tenerlo fermo, una custodia in confezione, un connettore USB-C piccolo, appena più grande di quello di ricarica, per stare accanto ad un altro cavo. La velocità di lettura e scrittura è quella di un buon modulo SATA 3.0, ed è conforme a quanto dichiara Minix nelle specifiche ufficiali. Circa 400 MB/s in entrambi i sensi danno prestazioni di copia, trasferimento, accesso ai file o backup (perfetto per Time Machine) migliori di molti moduli SSD installati nei portatili e nei Mini PC. Per non parlare delle eMMC dei tablet e degli smartphone. Per non parlare dei dischi meccanici (HDD) di certi laptop aziendali.

Minix Neo Storage smontato: SSD e slot.
FIG. 2. La SSD è incollata allo slot, ma con un po' di forza viene via.

Le temperature a contatto sono proporzionali al numero di porte collegate; se tra queste c'è anche l'alimentatore diventa parecchio caldo, ma è normale perché l'alluminio è usato come dissipatore. Vista la componentistica, sarebbe stato peggio avere un esterno freddo e un interno bollente. Non posso darvi dei numeri esatti perché sono ancora in vacanza e non ho la camera termica nello zaino. Minix parla di 50°C durante l'operatività.

Certi limiti

          Si propone alla mobilità - o comunque al lavoro in esterna, quindi non c'è la Ethernet e non si va oltre i 4K a 30 fps su HDMI. Mi aspetto questi extra su una docking station da tenere fissa sulla scrivania, o comunque su un HUB USB più ingombrante; ma allora perché non trovare il modo di inserire un lettore di schede? Manca la SD. Penso a chi deve scaricare le foto dalla videocamera o i video dalla mirrorless e si trova a dover girare con un adattatore in più. Avrei tolto una USB-A per un lettore SD.

Poi: c'è del coil-whine nel Neo Storage S1 che sto provando. Sento questo crick crick solo nel silenzio profondo, ma c'è. Aumenta se collego l'alimentazione del MacBook e non smette se "smonto" l'archiviazione. Forse è un caso isolato perché il 240 GB non ha questo problema e perché non ho trovato riscontri in altre recensioni. O forse i colleghi non si sono trovati, come me, a dormire con il Neo Storage e il Mac vicini al comodino.

Minix Neo Storage S1 e S2 a confronto.
FIG. 4. Le due colorazioni disponibili e il lato opposto della scheda.

Conclusioni

          Minix Neo Storage è consigliato perché è veloce, aggiornabile, snello, comodo. Costa il giusto e si può usare in mille modi, anche su smartphone Android per duplicare lo schermo e collegare pennette. In rete leggo di compatibilità certificata con gli ultimi modelli di Samsung e Huawei, ma dovrebbe funzionare con tutti proprio come un HUB USB degno di questo nome. Nessun problema con Linux (l'ho approcciato ad ElementaryOS 5, Arch Linux, Ubuntu 18.10) e Windows 10. Non funziona - ma sarebbe stato un miracolo - come dock per la Nintendo Switch; la console si alimenta ma la modalità schermo esterno non si attiva.

I limiti sono soprattutto progettuali. Ne ho parlato poco fa quindi è noioso ripetere, ma si può dire che non è adatto a tutti e a tutto, non è davvero un accessorio universale. Però è utile, eccome. Su Gearbest costa 78 euro in versione 120 GB e 89 euro in versione 240 GB - spedizione compresa. Su Amazon Italia servono circa 20 euro in più. Guardate anche su eBay o subito, perché spesso i sample inviati per le recensioni finiscono in vendita proprio lì; è appena uscito quindi non c'è il rischio di comprare un usato usurato.