Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Reddit

Dell XPS 13 9380

L'edizione 2019

RECENSIONE Online da 11 giugno 2019 Discussione Tempo di lettura Circa 19-26 minuti
Video Recensione Dell XPS 13 9380

          Le edizioni precedenti avevano il problema della webcam installata in basso, poco sopra la tastiera. Era il compromesso per le cornici sottili, ma anche una soluzione scomoda e brutta perché inquadrava male chi stava usando il PC. Il nuovo Dell XPS 13 9380 usa una webcam da 2.25 mm, compatta al punto da entrare nel telaio senza ingrandire il bordo. Segna un nuovo standard e avverte la concorrenza: non sono più ammesse fotocamere fuori posizione.

SCHEDA TECNICA

Schermo13.3 pollici 1920 x 1080 px ProcessoreIntel Core i7-8565U Quad Core Scheda graficaIntel UHD 620 Memorie8GB LPDDR3 / SSD NVMe 256 GB ReteWi-Fi ac + Bluetooth 4.2 (Killer 1435) Porte2x Thunderbolt 3 / USB-C 3.1 / microSD Batteria52 Wh / PSU USB-C 45 watt Telaio302 x 199 x 11.6 mm / 1230 grammi AltroWebcam 720p / Lettore di impronte / TPM 2.0
Scheda tecnica Dell XPS 13 9380
FIG. 1. Clicca per ingrandire.

Quest'anno non c'è la webcam IR, ma il tasto di accensione include il sensore di impronte digitali per l'accesso a Windows.

Ergonomia

          Dell XPS 13 9380 non è più l'unico 13 pollici compatto sul mercato ma resta il più sottile tra i simili Asus ZenBook 13 e Huawei Matebook 13. L'unica novità estetica dell'edizione 2019 è la tonalità della colorazione bianca, adesso più fredda e meno vicina al rosa. Ha sicuramente un effetto scenico migliore della nera ma bisogna stare attenti a due cose: la cornice dello schermo è bianca (quindi si nota di più), e la tastiera ha una illuminazione chiara su tasti bianchi.

I tasti hanno una corsa di 1.3 mm ma quest'anno sento una risposta più netta dovuta ad una maggiore resistenza strutturale. Suonano davvero male in rapporto ad altre tastiere ma la nuova stabilità fa sbagliare poco; non è necessario premere i keycaps al loro centro per inviare il segnale di pressione e non è necessario essere precisi quando si va veloci. Il formato compatto impone dei limiti (i modelli europei ISO con INVIO grande hanno la "ù" spostata; PagUP e PagDOWN sono dimezzati) ma è una tastiera per scrivere con confidenza già dopo pochi minuti.

Dell XPS 13 9380 fibra di carbonio
FIG. 2. Fibra di carbonio.
Dell XPS 13 9380: webcam e LED
FIG. 3. Webcam e LED.
Dell XPS 13 9380: porte lato sinistro
FIG. 4. Porte lato sinistro.

Nulla di nuovo sul touchpad e sulla posizione (azzeccata, perché incassata) del tasto di accensione, per quanto lo avrei voluto più largo: chi ha le dita grandi potrebbe avere noie nel login con Windows Hello. Io, per dire, devo inclinare un po' il polpastrello per entrare. Continuo però ad essere un convinto sostenitore del materiale utilizzato per il poggiapolsi. Quella fibra di carbonio setosa e appena morbida, un po' rinnovata già nel modello dello scorso anno, sarà pure semplice da sporcare con le impronte e con il sudore ma è resistente a graffi e a righi ed è una differenza che conta. Nel complesso posso dire che Dell XPS 13 9380 non è un portatile da trattare con cura e attenzione; è costruito per la mobilità anche da questo punto di vista.

Autonomia

          La batteria resta una 52 Wh. Il portatile si può caricare da una delle tre porte USB-C. Il caricatore da 45 watt riesce sempre a coprire il consumo massimo su presa ma arriva davvero al limite; poco sotto c'è un grafico per dimostrarlo. Trovo davvero buone le dimensioni e la lunghezza dei cavi integrati in questo caricatore. Inoltre si può usare su smartphone, tablet ed altri dispositivi simili perché si autoregola su 5/9/15/20 Volt e 2.25/3 Ampere.

CONTESTOSOFTWAREDURATA
Lavoro onlineFirefox 10 schede, Unigram, VSCode, GitHub Desktop.-4.5 W = 9.3 ore
Lavoro offlineLibreOffice Calc e Writer, Photoshop CC, Gestore file, VirtualBox.-4.1 Wh = 12.7 ore
Produzione multimedialeMontaggio video Adobe Premiere Pro, Photoshop CC, Audacity.-3. Wh = 10 ore
Riproduzione streamingNetflix app in Full HD-3.4 W = 10.9 ore
Carico massimoConversione video con Handbrake-40.7 Wh = 1.3 ore
StandbyConnected Standby attivo-0.46% l'ora = 9.1 giorni
TAB. 1. Durata della batteria.

Test eseguiti con Dell Power Manager in modalità "Ottimizzata". Luminosità e volume al 50%. Illuminazione tastiera disattivata.

Su Dell XPS 13 9380 bisogna andare a cercare il particolare nelle prestazioni del processore Intel Whiskey Lake. È stato tarato per consumare più watt del solito così da restare per più tempo alla frequenza massima indipendentemente dalla temperatura raggiunta. Può superare i 100°C senza andare in stallo (quindi: senza throttling termico) e per questo Dell ha dovuto curare l'impianto di smaltimento del calore in ogni aspetto, dalla qualità della pasta termica al rivestimento in Gore-Tex per isolare la zona tastiera.

PL1 è il limite massimo, da regolare come TDP, che può gestire l'impianto di smaltimento e di ventilazione. PL1 è long-term state quindi non può attivare la frequenza Turbo della CPU. PL2 è il limite superato il quale si ha la riduzione e si cerca di tornare indietro. PL2 è short-term e può usare il Turbo. Infine, Tau (Turbo Time Parameter) è la variabile che indica quanto la CPU può stare su PL2 prima di scalare su PL1. Tau è indipendente da temperature e consumi.

Teardown Dell XPS 13 9380
FIG. 2. Gli interni di Dell XPS 13 9380. RAM e scheda wireless sono saldati. La SSD NVMe M.2 si può sostituire.

Benchmarks

3DMark Time Spy487 PCMark 10 Extended2997 Cinebench R15OpenGL 57.38 fps / CPU 694 cb CrystalDisk MarkSeq 2311 / 370 MB/s
4K 40 / 121 MB/s
DELL POWER MANAGER

In modalità Prestazioni, Dell XPS 13 9380 porta il PL1 a 51 watt fissi, lo stesso valore di PL2. In modalità Ottimizzata, PL1 parte da 23 watt e sale fino a 35 watt. Sono valori sorprendenti per una CPU Quad Core a basso voltaggio consigliata su impianti da 15 watt. La maggior parte della concorrenza la installa seguendo i riferimenti standard di Intel.

Prestazioni

          Questa duplice capacità di richiedere potenza aumenta la tolleranza e dà risultati più consistenti durante i lavori lunghi: rendering video, conversioni, giochi. Nei grafici ho evidenziato (in sequenza): il guadagno effettivo nel punteggio durante lo stress test di Cinebench R15; la frequenza CPU sostenuta per più tempo dalla modalità Prestazioni; la differenza in watt del PL1 e il suo prolungarsi.

Il penultimo grafico conferma quanto scritto prima sull'alimentatore da 45 watt. È al limite, ma riesce a fornire l'energia richiesta e a caricare la batteria allo stesso tempo. Sembra scontato, ma mi sono capitati portatili con alimentatori appena inferiori al consumo massimo con il risultato di prodotti che non si riuscivano a caricare durante un lavoro importante; restavano accesi, ma non riempivano la batteria. Un nome a caso: MacBook Pro 15 di fine 2017.

Dell XPS 13 9380 Cinebench Loop
FIG. 3. Il punteggio di Cinebench R15 CPU Multi riprodotto 30 volte.
Dell XPS 13 9380 Variazione della frequenza CPU
FIG. 4. La variazione della frequenza CPU nelle due modalità durante il loop di Cinebench R15 CPU Multi.
Dell XPS 13 9380 Variazione di PL1
FIG. 5. La variazione PL1 nelle due modalità durante il loop di Cinebench R15 CPU Multi.
Consumo su presa di Dell XPS 13 9380
FIG. 6. Consumo su presa di Dell XPS 13 9380.
Analisi audio con volume al massimo di Dell XPS 13
                        9380
FIG. 7. Analisi audio con volume al massimo.

Appunti

          Al solito, Dell installa un BIOS flessibile e accessibile. Fa disabilitare il Dynamic Backlight Control (una richiesta della comunita) e fa regolare tutte le impostazioni relative al tipo di avvio, alla sicurezza aziendale, alla rotazione delle ventole e all'intensità dell'illuminazione della tastiera. Un esempio della cura di questo BIOS è la voce che stacca il Secure Boot, abilita l'avvio Legacy e mette le porte USB al primo posto della sequenza di avvio - tutto in un colpo solo, inserita nel Boot Menù. Non è esclusiva di XPS 13, ma è una comodità salva tempo.

Posso fare considerazioni simili per le applicazioni Dell pre-installate in Windows. Dell Power Manager, Dell Cinema Color e Dell System Update sono indispensabili, così come Dell Mobile Connect si merita qualche giorno di prova. L'impianto audio conta sui due piccoli altoparlanti installati ai lati del telaio e quattro microfoni inseriti sul bordo frontale in corrispondenza del touchpad; è tutto come le edizioni precedenti. Per volume, corpo e capacità di catturare la voce escludendo il rumore ambientale, è una componentistica riuscita. Ho inserito il grafico qualche paragrafo fa (l'ultimo della serie, quello viola) per completezza, ma mi ci servirà per confrontare la resa di altri portatili.

Multi-tasking: Clear Linux virtualizzato in
                        finestra
FIG. 9. Multi-tasking: Clear Linux virtualizzato in finestra.
Temperature massime sulla tastiera di Dell
                                XPS 13 9380
FIG. 10. Temperature a regime zona tastiera.
Alimentatore compatto da 45 watt di Dell
                                XPS 13 9380
FIG. 11. Alimentatore compatto da 45 watt.
Dell Power Manager
FIG. 12. Dell Power Manager.
Copertura AdobeRGB di fabbrica di Dell XPS
                                13 9380
FIG. 13. Copertura AdobeRGB di fabbrica.
DeltaE colori di fabbrica di Dell XPS 13
                                9380
FIG. 14. DeltaE colori di fabbrica.
Coperchio in alluminio di Dell XPS 13 9380
FIG. 15. Coperchio in alluminio.
FULL HD VS. 4K

La versione Full HD 2019 è opaca e non ha un vetro Gorilla Glass come lo scorso anno; questo riduce i riflessi e migliora la visibilità in esterna. Visibilità superiore a molti prodotti rivali perché l'uniformità dell'illuminazione ha una variazione massima di appena il 4%. La calibratura di fabbrica è adatta al lavoro grafico professionale. L'edizione 4K monta pannelli Sharp ed è touchscreen; ha una profilazione meno accurata e meno capacità di assorbire i riflessi per colpa del vetro di protezione. Io preferisco la Full HD anche perché consuma meno.

ANALISI DISPLAY

PannelloAU Optronics AUO5B2D Luminosità massima410 nits UniformitàVariazione massima del 4% sRGB99% AdobeRGB75% DeltaE MedioGrigi: 1.2 / Colore: 2.3

Dell XPS 13 9380 è uno dei migliori portatili per chi vuole usare Linux. Una Ubuntu 19.04 riconosce tutto sin dal primo avvio, e lo stesso vale per distribuzioni settoriali come Clear Linux di Intel. Inoltre il modulo SSD dell'edizione Windows non è spezzettato in più partizioni, quindi si può ridimensionare per facilitare il Dual Boot senza pensieri. Dell vende XPS 13 9380 anche con Ubuntu Linux pre-installata nell'edizione chiamata Developer Edition; a giugno 2019, la variante più economica costa 1.429 euro con schermo Full HD, processore Core i7, 8 GB di RAM e 256 GB di spazio SSD.

COME MIGLIORARLO

Vorrei l'opzione per un pannello OLED o l'installazione di uno schermo a 120 o 144 Hz. Con queste modifiche avrebbe senso usare una scheda grafica dedicata a basso consumo, magari approfittando della stessa messa a punto estrema vista qui. Farebbe comodo un lettore SD anziché microSD, e magari si potrebbe liberare lo spazio necessario spostando gli altoparlanti sotto la tastiera (come si faceva nel vecchio MacBook Air, oppure in certi Chromebook).

COMPROMESSI ATTUALI

Manca un sensore di luminosità per lo schermo, e manca una suite di regolazione avanzata sullo stile di Dell Premiere Color (installato su XPS 15). La scheda wireless Killer 1435 è ancora sufficiente ma resta inferiore alle ultime disponibili (come la Killer AX1650) ed ha Bluetooth 4.2; stona su un top di gamma così. Stesso discorso per la scelta di inserire moduli SSD Samsung solo nei tagli da almeno 512 GB. Gli SK Hynix sono meno veloci.

Conclusioni

          Dell XPS 13 9380 è conforme alle dichiarazioni d'uso. Fa quello che promette e raggiunge le migliori prestazioni possibili con l'hardware a disposizione. È in vantaggio sulla concorrenza perché resta flessibile: si può regolare per farlo andare ai massimi giri o si può regolare per restare sempre freddo e silenzioso. Questo si aggiunge alla portabilità di un telaio che non ha bisogno di attenzioni eccessive (ancora tra i più compatti della categoria), al supporto Linux, ai programmi di gestione e integrazione con lo smartphone, ad uno schermo calibrato in fabbrica, ad un'autonomia media che copre bene la giornata. Non è per tutti perché ha le sue particolarità (quelle di cui ho discusso nella recensione più una: costa tanto: la versione consigliata ha un listino di 1399 euro) ma è un portatile maturo e riuscito.

Prezzi ufficiali a giugno 2019

  • Full HD / Core i3 / 4 GB di RAM / 128 GB SSD a 1099 euro
  • Full HD / Core i5 / 8 GB RAM / 256 GB SSD a 1399 euro
  • Full HD / Core i7 / 8 GB RAM / 256 GB SSD a 1499 euro
  • 4K Touch / Core i5 / 8 GB RAM / 256 GB SSD a 1599 euro
  • Full HD / Core i7 / 8 GB RAM / 256 GB SSD / Ubuntu Linux 18.04 a 1449 euro
Video Recensione Dell XPS 13 9380